Bunker, camerini, tuguri, chiamateli come vi pare..

11:40:00



Dicono che il punto G delle donne sia alla fine della parola shoppin(G). Di più. 

E' una questione genetica e passare anche solo una settimana lontane dai negozi implica un subbuglio di ormoni che nemmeno la stampa inglese in attesa di George-Alexander-Louis. 
Mendel studiando 28.000 tipi di piante di piselli che lo portarano poi a definire le sue leggi dell'ereditarietà, di sicuro non si accorse che nel DNA delle donne in special modo, qualcosa prima o poi sarebbe mutato, dai piselli alle t-shirt insomma. Che vi piaccia o meno, non c'è cosa più divina di un pò di shopping alla mattina. 


Non ci sono Bocci o Garko che tengano.  Della serie, tira più un nuovo crop top che un pelo di Mariano di Vaio (e quando mai!!).
Ma, fermi tutti, è come se questa scena, così candida, così limpida, così ricca di piacere si fermasse. Stop, rewind e play. Non è tutto oro quel che luccica, no!?
Ogni cosa ha i suoi pro e i suoi contro. Anche se penserete che lo shopping non abbia niente di negativo, arrivo io che ve la smonto subito, come quando prendi un gelato due gusti, nocciola e panna e di quest'ultima ne vedrete solo un miraggio, perchè sparita, morta, scomparsa nel tratto di passaggio di cono tra la commessa e voi. Puff. 
Bunker, tuguri, chiamateli come vi pare, sono il male assoluto. Si, brave, come le calze color carne. Ve ne sono diversi tipi e l'eiaculazione precoce è causata da loro. Il piacere si esaurisce in men che non si dica, appena metteremo piede nel camerino :

1) Tugurio
E' quel camerino che solitamente si trova dai Cinesi, ti avvicini, sposti la "tenda" o quel pezzo di carta da parati color bourdeax sbiadito con due stampe floreali più tristi dei prendi sole delle nonne, con l'ausilio di solo due delle tue dita ed un espressione schifata che nemmeno a vedere i video dei diciottesimi su youtube. L'interno è buio, tetro, sembra quasi che il retro possa aprirsi da un momento ad un altro catapultandoti nel laboratorio di Dexter. Ovviamente non c'è lo specchio, se vuoi contemplarti devi farlo alla luce del sole, attorniata da venti cinesi, mamme con bambini al seguito che sbraitano come non ci fosse un domani e ragazzine che ti squadrano dalla testa ai piedi. Della serie, purchè se ne parli. 

2) Bunker
E' quello fatto su misura per i nani di Biancaneve. Ampio un metro per un metro. Abbassarti i pantaloni diventa un'impresa cazzutissima, devi immedesimarti in Ginnaste vite di merda, adottare lo stile dei trapezisti, contorcerti fino a romperti l'osso del collo; riesci ad infilarti il vestito, ti guardi e detto papale papale, ti fai schifo, ribrezzo. Aridaje con le acrobazie. Esci da lì in versione l'esorcista, la faccia bianca, il sudore ovunque, la bocca storta ed amareggiata. WTF??

3) Horror
Sono la morte! Li trovi un pò ovunque, inventati probabilmente da Dario Argento, hanno la capacità di alterare il tuo aspetto fisico in un solo batter di ciglia. Gli specchi sono finti, tipo quelli che si trovano nelle confezioni giocattolo alla fiera dell'est e per un nano secondo ti convincono di somigliare alla Lory del Santo; spaventata tenti la fuga. Sono quelli che all'esterno hanno attaccato un cartello grosso come una casa che dice così : "non entrare con più di tre capi!!!!!" . Tu timorata di Dio, ne porti al massimo due ma una volta varcata la soglia penserai di essere in una scena del crimine C-S-I in cui prima sono entrati i ladri buttando all'aria il guardaroba e poi hanno ucciso la vittima, nascondendo il cadavere con cura e lasciando all'aria e in stato confusionario la restante parte. To be or not to be!?

4) Paradiso
Una luce prorompente, fulminea e quasi accecante ti abbaglia al solo spostare la tenda. Hai una visione o son venuti a prenderti? Sei ammaliata da cotanta luce ed entri quasi trascinata dal desiderio di saperne di più. Ma la tua cornea non è abituata ad un esposizione solare così potente. Dunque quello che puoi fare è diventare capitan Uncino, inizi a provare i vestiti con difficoltà considerando che la tua vista è adesso dimezzata e quando tua madre entra per vedere come stai, le prende un colpo, perchè pensa che tu sia stata colpita da un ictus fulmineo del bulbo oculare o da un attacco epilettico improvviso o addirittura da schizzi frenetici di impulsi ossessivi compulsivi. Ciao mamma guarda come mi diverto, insomma. 

Ad accomunare tutti questi piccoli spazi, i batuffoli di polvere e i tappetini andati a male. Non temete, trattasi di una strategia di marketing, secondo la quale, più sudiciume vi è all'interno del camerino, meno sarà il tempo impiegato da ogni cliente per provare gli abiti, a meno che non si tratti di un masochista della spazzatura, dunque maggiore sarà il numero di persone che potrà provare qualcosa ed in conseguenza maggiore sarà anche il numero di acquisti effettuati in un sol giorno. Geniale, nient'altro.


Nel caso aveste avuto altre terrificanti esperienze, fatelo sapere, stile centro di recupero per traumatizzati da shopping cronico : "ciao sono tizia, sono rimasta traumatizzata dai peli di gattio appicicati alle pareti del camerino di....blablabla"


:)
Giada.

You Might Also Like

9 comments

  1. Oddio Giada mi hai fatto morì dal ridere ahahhahahaa.
    Comunque io ho avuto un'esperienza terrificante in un negozio in quel di Marsiglia, un mix tra tugurio e bunker, ahahahaahah schifo!!!! ahaah
    Baciiii :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, il connubio perfetto insomma!! :)

      Elimina
  2. POst carinissimo!
    Io trovo geniali gli specchi di H&M... ti puoi vedere da ogni dove! Mi chiedo perchè non lo facciamo tutti.

    Ti sei dimenticata i "camerini" di decatlon, se così vogliamo chiamarli!
    Più che camerini sono tende agganciate ad un tubolare rotondo e chiuse attraverso dei pezzettini di velcro! provarsi un costume lì è la morte...

    ;-)

    Following Your Passion
    Following Your Beauty
    FYP @Twitter
    FYP Facebook Page
    FYP on Bloglovin'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. H&M non pecca assolutamente per quanto riguarda i camerini. Sono stata oggi e poter vedere il tuo di dietro senza effettuare alcun tipo di contorsione è quasi la quintessenza del piacere! :)

      Elimina
  3. Ahahahah cara ma quanto hai ragione, non c'è un solo camerino che sia a misura d'uomo, tutti strettissimi, oppure le tende piccole che neanche coprono, oppure sporchi...sarà pure marketing ma questa è una prova di resistenza per noi donne!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. più che resistenza, sopravvivenza oserei dire! :)

      Elimina
  4. Secondo me manca il camerino bastardo: quello la cui luce ti fa vedere anche la cellulite che non hai! Che alla fine esci dal negozio depressa perché tanto ti sta tutto male!

    Vieni a trovarmi!
    racconticavolo.blogpost.com

    RispondiElimina

Actually you love

Mai 'na Gioia? Da Intimissimi puoi.